Il Ritorno

13 07 2009

Una mattina come tante: ti svegli, ti alzi, ti lavi (almeno si spera); solite attività motorie più dettate dai meccanici gesti abitudinari che da una reale connessione con la realtà; basta guardarsi allo specchio per capire che il tuo materasso non ti vuole bene. Ed è proprio in quel momento, in quel limbo tra il sonno e la veglia, che si avvertono le sensazioni più sincere, più vogliose, a volte come se qualcuno ti stesse tirando violentemente per un orecchio per dirti: “forzaaaa andiamoooooooo”; o più esplicitamente: “cazzo, ma ti muovi?”

L’omino nel cervello, si potrebbe dire; io lo definirei in con altri termini, come se fosse un vero richiamo: quello della libertà.

given yamaha

Leggi il seguito di questo post »





Il mitomane, seconda parte

25 01 2009

Eccoci qua finalmente a casa, è stata un’ora di ciondolamento perpetuo chiuso nel retro di un vecchio Daily, un po’ versione carro bestiame più profumato ma con eguale livello di pulizia oserei dire, gentilmente offerto da un amico di mio padre, mezzo che mi ha permesso di scortare il mio tesoro fino a destinazione per riporla accanto alla sorellona maggiore che da oggi le farà compagnia tra le 4 fredde mura del mio garage…

 

untitled2 Leggi il seguito di questo post »





Mattina d’Inverno

15 01 2009

Il motore freddo in una gelida mattina d’inverno, oltrepassata la linea di demarcazione della proprietà privata, costringe inevitabilmente ad un’andatura trotterellante, come la maggior parte delle persone potrà pensare… Ma niente paura, è solo una condizione temporanea ovviamente! Giusto il tempo che ci impiega l’aria a farti desiderare di non avere più le gambe perché, in ogni caso, la sensazione che percepisci dati i 2 gradi dell’aria è la stessa… E’ cosi che ormai intorpidito dall’unico ostacolo che ti divide dalla tua scarica di adrenalina giornaliera non puoi fare altro che due cose: rinunciare, oppure far ruotare quella cosa con 5 dita attaccata in fondo al braccio destro, che contiene ciò che può cambiare una gelida giornata invernale trasformandola in un inferno di ormoni e calore… E’ un crescendo di suoni, un urlo che riecheggia per chilometri nelle sconfinate campagne della vecchia padania, il cambio un pò ruvido non è mai stato un problema e devo ammettere che la rugiada ghiacciata che ricopre interamente tutto ciò che mi circonda fa un certo effetto, ma d’altronde è Natale… E’ un pò come la nutella: che mondo sarebbe senza?

mattina-dinverno

Leggi il seguito di questo post »